GI Dieta per PCOS

PCOS, o malattia dell'ovaio policistico o sindrome dell'ovaio policistico, è una condizione caratterizzata dallo sviluppo di cisti all'interno di ovaie di una donna. Se non trattata, questa condizione può eventualmente causare problemi di fertilità, insieme ad altri sintomi quali periodi anormali, acne, una diminuzione del seno o un aumento della crescita dei capelli del corpo. Secondo le informazioni da ObGyn.net, PCOS pone anche una donna a un rischio maggiore di sviluppare il diabete, facendo una dieta di GI uno strumento efficace per prevenire questo risultato.

GI Diet Teoria

Comprendere il concetto alla base di una dieta a basso indice glicemico per capire meglio come può essere usato per prevenire il diabete nelle donne con PCOS. Il diabete di tipo II si sviluppa dove il corpo diventa incapace di produrre o utilizzare l'ormone insulina, un ormone di stoccaggio prodotto dal pancreas per regolare i livelli di zucchero nel sangue. Ciò può verificarsi se le richieste sul pancreas sono troppo grandi, come nel caso di un individuo con cronicamente elevati livelli di zucchero nel sangue. Fortunatamente, questo può essere controllato con mezzi dietetici, come zucchero nel sangue è più drasticamente influenzata dalla assunzione di carboidrati che vengono rapidamente digeriti dal corpo, come farine e zuccheri raffinati. La velocità con cui un carburatore viene digerito viene misurata con l'indice glicemico, con il punto cruciale di una dieta di GI è quello di consumare solo cibi a basso indice glicemico per mantenere la glicemia sotto controllo, evitando il diabete come complicanza della sindrome dell'ovaio policistico.

GI Diet

Consumare una dieta ricca di carboidrati a basso indice glicemico con moderate quantità di proteine ​​e grassi per evitare il diabete per le persone con sindrome dell'ovaio policistico. Questo significa limitare il consumo di carboidrati a lento-digestione oggetti come frutta, verdura e cereali integrali. In generale, il bastone di carboidrati che vengono serviti in o vicino al loro stato naturale. I carboidrati di cui sopra sono serviti con trattamento minimo, a differenza di carboidrati come zuccheri e farina bianca in rapida digestione. Coppia questo con un consumo di fonti di proteine ​​magre, come i prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi, carni rosse basso contenuto di grassi, pollo, tacchino e frutti di mare, insieme con il consumo di grassi naturali di frutti come avocado e noci di cocco, noci, semi e oli. Ogni pasto si mangia dovrebbe contenere una fonte di carboidrati a basso indice glicemico, una fonte di proteine ​​e una fonte di grassi sani. Evitare di mangiare carboidrati per conto proprio, come l'inclusione di altri macronutrienti contribuirà a rallentare il tempo di digestione, migliorando l'effetto del pasto ai vostri livelli di zucchero nel sangue.


articoli Correlati