Effetti collaterali di Xeloda per gli occhi

Effetti collaterali di Xeloda per gli occhi


Xeloda contiene capecitabina, un tipo di farmaco orale, usati per la chemioterapia nel trattamento del colon e della mammella. Nonostante la sua efficacia nel distruggere le cellule tumorali, Xeloda pone un rischio di effetti collaterali, tra cui alcuni che influenzano i vostri occhi.

Tipi di Effetti sugli occhi

Gli effetti collaterali di Xeloda sugli occhi includono lacrimazione eccessiva o irrigazione oculare, irritazione o rossore, anormale o visione offuscata. Un altro possibile effetto collaterale è la congiuntivite, una condizione in cui il rivestimento della palpebra e bulbo oculare si infiamma, causando prurito, drenaggio e arrossamento.

Significato

Irritazione degli occhi a causa di Xeloda si verifica in circa il 13 per cento di cancro al colon e il 5 per cento dei pazienti di cancro al seno, mentre la visione anormale si verifica in circa il 5 per cento, secondo gli studi clinici Food and Drug Administration pubblicati dalla US National Library of Medicine. Sia aumentata lacrimazione e congiuntivite da Xeloda si verificano nel 5 per cento dei pazienti.

Interazioni con altri farmaci

Assunzione di Xeloda con antiacidi contenenti idrossido di alluminio e idrossido di magnesio aumenta leggermente i livelli di farmaco chemioterapico nel sangue. Tale incremento rende gli effetti collaterali da Xeloda più probabile, compresi quelli che riguardano i vostri occhi.

Rischi

Raramente, l'uso dei risultati di Xeloda in stenosi del dotto lacrimale, una condizione segnata dal blocco di uno o più dei vostri condotti lacrimali, che provoca irrigazione occhio costante, avverte la US National Library of Medicine. Nei casi più gravi, stenosi del dotto lacrimale provoca il blocco permanente dei dotti e richiede un intervento chirurgico per la riparazione.

Considerazioni

I pazienti di età superiore ai 80 sono più suscettibili agli effetti di Xeloda, rendendo la probabilità di effetti collaterali tra cui effetti sugli occhi maggiore, riporta il Mayo Clinic.


articoli Correlati