Che cosa è una buona dieta per la colite ulcerosa?

La colite ulcerosa (UC) cade sotto l'ombrello di malattia infiammatoria intestinale (IBD). Questa malattia gastrointestinale colpisce il colon e del retto, dove ulcere e infiammazioni provocano dolori addominali e diarrea sanguinolenta. I farmaci possono aiutare a gestire la malattia e cambiamenti nella dieta può avere un impatto significativo sulla gestione dei sintomi.

Identificare il problema Foods

Controllo dei sintomi e prolungando l'intervallo tra flareups della malattia può essere possibile con cambiamenti nella dieta. Anche se non c'è alcun legame preciso tra specifici alimenti che causano IBD, alcuni alimenti tendono a esacerbare i sintomi. Questo può variare da paziente a paziente. Tenere un diario alimentare e di monitorare i tuoi sintomi e link a prodotti alimentari specifici può aiutare a identificare che cosa eliminare dalla vostra dieta.

L'aggiunta di fibra solubile alla vostra dieta

UC colpisce l'intestino crasso dove residui alimentari acquosi sono normalmente riassorbite. Perché il vostro intestino crasso non funziona correttamente, questo "riciclaggio" di liquidi non avviene, con conseguente diarrea, che è spesso grave. Può sembrare poco saggio aggiungere fibra alla vostra dieta quando si è già sperimentando perdita di feci; Tuttavia, l'aggiunta di alcuni alimenti ricchi di fibre può aiutare ad assorbire i liquidi in eccesso nel vostro intestino crasso. La fibra solubile si trova spesso in alimenti ricchi di amido, al contrario di verdure crude a foglia verde e cereali integrali o, e può aiutare a lenire e regolare il GI (gastrointestinale) tratto. La fibra solubile lavora nel colon assorbendo i liquidi in eccesso e carica fino feci. Gli alimenti ricchi di fibra solubile includono tortillas di farina, riso, pasta, pane bianco, farina d'avena, orzo, quinoa, farina di mais, soia, cereali, riso, patate, patate dolci, patate, carote, rape, zucca, papaya, mango e banane.

A seguito di una dieta "a basso residuo"

La fibra solubile e gli alimenti che stimolano il tratto intestinale può aumentare il gas e irritare il tratto gastrointestinale, rendendo i sintomi più gravi. Gli alimenti come fagioli, broccoli crudi, cavolfiore crudo, popcorn, frutta cruda, cavoli e cavoletti di Bruxelles devono essere ridotti al minimo o evitati. Una dieta "a basso residuo" significa ridurre al minimo gli alimenti, come verdure crude, semi, mais e noci. Questo aggiunge residuo sgabello e ha una qualità "raschiando" nel colon. Evitare le sostanze che stimolano e irritare il tratto gastrointestinale, come l'alcool, caffeina o soda, può essere utile nella gestione dei sintomi.

Mangiare più frequentemente

Mangiare più piccoli pasti più frequenti, è spesso utile nel regolare i movimenti intestinali e lenitiva l'intero tratto intestinale. Questo aiuta ad alleviare il dolore e crampi spesso vissuto dopo aver mangiato. Cinque o sei piccoli pasti - al contrario di tre pasti abbondanti - possono facilitare la digestione. Ridurre al minimo il consumo di grassi e riducendo la quantità di cibi fritti o grassi può anche contribuire a ridurre e gestire i sintomi perché il grasso stimola il sistema gastrointestinale e spesso causa di gas e diarrea.

La terapia nutrizionale

La Fondazione di Crohn e Colite d'America annunciano il crescente movimento di mangiare per aiutare il vostro intestino a guarire se stesso come una frontiera promettente nel trattamento delle IBD. Integrando la dieta con semi di lino o olio di pesce può essere utile nel ridurre l'infiammazione. Gli acidi grassi Omega-3 sono oggetto di ricerca come terapia nutrizionale perché hanno proprietà anti-infiammatorie e contribuire a promuovere la guarigione e aiutare nella gestione dei sintomi. I probiotici (come lactobacillus acidophilus o) di lavoro all'interno del vostro intestino per contribuire a ripristinare l'equilibrio e contribuire a promuovere la guarigione intestinale.


articoli Correlati