Che cosa causa una infezione della cistifellea?

Infezioni della cistifellea sono tipicamente il risultato dello sviluppo di calcoli biliari, piccoli oggetti cristallini creata quando la bile solidifica all'interno della cistifellea. La maggior parte dei casi di calcoli biliari non si sviluppano in una infezione, ma l'infezione si verifica quando le pietre diventano presentata in piccoli tubi che portano dalla cistifellea nell'intestino tenue (dotti biliari). I condotti bloccati causano un'infiammazione nella cistifellea che può portare ad una infezione, oltre a danni a lungo termine alla cistifellea, pancreas o del fegato. Interpretare i sintomi e imparare ciò che provoca infezioni della colecisti vi aiuterà a lavorare con il vostro medico per completare un esame medico approfondito e creare il piano di trattamento giusto.

Calcoli biliari

I calcoli biliari, noto anche come la colelitiasi, sono la causa diretta più comune delle infezioni della colecisti. Mentre le pietre in genere si sviluppano all'interno della colecisti stessa, essi possono, a volte, di sviluppare nei dotti biliari. Se i calcoli biliari stanno causando dolore o infezione, di solito sono rotti in pezzi più piccoli da onde ultrasoniche in modo che possano viaggiare attraverso le vie biliari. Se questa procedura non è possibile o esistono complicazioni, la rimozione chirurgica della colecisti, noto come colecistectomia, può essere necessario. La maggior parte delle persone affette da calcoli biliari non si verificano sintomi. Coloro che hanno sintomi di solito l'esperienza del dolore nella parte superiore dell'addome a destra e può avere una febbre che picchi. Un altro segno di infezione a causa di calcoli biliari è l'ittero, una colorazione gialla della pelle e del bianco degli occhi. I sintomi che indicano la presenza di calcoli biliari comprendono nausea, vomito, pienezza addominale e feci color argilla.

Colecistite

Colecistite acuta è il termine medico per una infezione o infiammazione della colecisti. Questo tipo di infezione provoca dolore intenso e febbre che può durare 12 ore o più. Il dolore da un episodio colecistite acuta si trova anche sotto la gabbia toracica sul lato destro del corpo. Esso può essere innescato da un colpo di tosse o altri movimenti. Colecistite acuta è anche di solito causata da calcoli biliari. I pazienti devono consultare immediatamente un medico. Farmaci antibiotici sono di solito prescritti per questo tipo di infezione. Nel caso dovesse diventare inefficace, la rimozione della colecisti è in genere il corso prescritto di azione.

Fattori di rischio

Infezioni della colecisti sono abbastanza comuni in tutto il mondo, in particolare tra sovrappeso, donne di mezza età, Caucasico che sono stati più volte in stato di gravidanza. Le infezioni sono suscettibili di verificarsi come risultato di un eccesso di colesterolo e bilirubina nella bile, sali biliari insufficiente o quando la colecisti non si svuota correttamente a causa di un dotto biliare bloccata.

Esami e prove

Il primo passo per la diagnosi di infezione della colecisti è un esame fisico durante il quale l'addome del paziente viene testato per la tenerezza. Deve inoltre essere necessario il test per una diagnosi corretta, i test più comuni includono esami del sangue, test di funzionalità epatica e una TAC addominale.

Trattamento

Oltre al trattamento antibiotico per combattere l'infezione, i pazienti con infezioni della colecisti sono invitati a seguire un alto contenuto di fibre, dieta povera di grassi non appena sono in grado di tollerare il cibo. Dieta corretta può aiutare a prevenire il ripetersi in futuro, senza un intervento chirurgico più invasivo. In questi casi, antidolorifici possono essere prescritti per aiutare con la gestione del dolore. Rimozione di calcoli biliari, o la rimozione della colecisti stessa, si consiglia dovrebbe blocco o infiammazione portare a infezioni ricorrenti. Chirurgia previene tutti i futuri attacchi di questa natura. La chirurgia di emergenza è necessario se il dotto biliare comune diventa infiammato o l'infezione non risponde al trattamento antibiotico.


articoli Correlati