La depressione negli anziani nelle case di riposo

11/09/2011 by admin

La depressione negli anziani nelle case di riposo


Gli anziani residenti in casa di cura del 2009 sono cresciuti in un mondo dove la gente non parla di cose come la depressione. Operatori sanitari e membri della famiglia possono aiutare queste persone anziane, identificando le loro flessioni psicologiche.

Screening

L'AGS Fondazione per un invecchiamento sano suggerisce che i residenti in casa di cura ricevono lo screening per la depressione. Gli anziani in case di cura richiedono la valutazione della depressione subito dopo l'arrivo alla casa di cura, e poi regolarmente in seguito.

Fattori di rischio

Secondo l'Istituto per Hartford Geriatric Nursing, circa sette gruppi di pazienti anziani ad alto rischio per la depressione. Essi includono quelli con abuso di sostanze, problemi di salute, e la salute generale poveri, vedove o vedovi, e residenti che hanno problemi sociali o psicologici.

Segni e sintomi

"Trattamento farmacologico della depressione in anziani Casa di Cura Residente" descrive i sintomi della depressione negli anziani nelle case di riposo. I pazienti possono presentarsi con delirio o demenza. Problemi di salute come l'ictus e attacchi cardiaci sono spesso causa di depressione nei pazienti della casa di cura. Altri aspetti sintomatici della depressione includono i sintomi psicotici. Insieme a questi, sintomi come perdita di appetito, perdita di interesse, insonnia, pianto, auto-isolamento, e pensieri di suicidio sono problemi per gli anziani depressi.

Soluzione

"Trattamento farmacologico della depressione in anziani Casa di Cura Residente" rapporto afferma che "I farmaci antidepressivi sono efficaci nel 70 per cento dei pazienti depressi anziani." Alcuni altri suggerimenti per il trattamento sono l'esercizio fisico, la socializzazione, la psicoterapia e le attività spirituali.

Prognosi

Secondo l'Istituto di Hartford linee guida di cura geriatrica, pazienti depressi anziani in case di cura hanno una buona prognosi. Le linee guida suggeriscono che un piano personale efficace per ogni paziente porterà a una riduzione dei sintomi, e aumenti la sicurezza del paziente e il funzionamento.


Articoli correlati